Giornata Nazionale del Parkinson

Sara' celebrata anche presso il Centro Parkinson dell'Azienda Ospedaliera Brotzu, il 30 novembre prossimo, la Giornata Nazionale della Malattia di Parkinson.
Il Convegno, che si terrà presso la Sala Congressi "Aula Atza" dell'Ospedale, comprenderà, oltre ad un approfondimento sulle principali novità clinico terapeutiche sulla malattia, anche un momento di intrattenimento per i pazienti.


Oggi la malattia colpisce circa il 3 per mille della popolazione generale, e circa il 2% di quella sopra i 65 anni. In Italia i malati di Parkinson sono circa 300.000, per lo più maschi (1,5 volte in più). In Sardegna ipotizzabile un numero di circa 5000 pazienti. L’età d’esordio è da riconsiderare: l’immagine che la malattia riguardi solo le persone anziane non corrisponde più alla realtà. L’età d’esordio del Parkinson si fa, infatti, sempre più giovane (un paziente su 4 ha meno di 50 anni, il 10% ha meno di 40 anni), per il fatto che la scienza è oggi in grado di porre una diagnosi ai primi sintomi, quando la malattia è ancora in fase precocissima. Inoltre, si ipotizza che mediamente, rispetto al momento della prima diagnosi, l’inizio del danno cerebrale sia da retrodatare di almeno 6 anni. Quindi, l’immagine che la malattia riguardi solo le persone anziane non corrisponde più alla realtà.
L'iniziativa e' promossa dalla Lega Italiana per la lotta contro la Malattia di Parkinson, le Sindromi Extrapiramidali e le Demenze e dall'Associazione Italiana Disordini del Movimento e Malattia di Parkinson, assieme alle associazioni di pazienti Parkinson Italia e Associazione Italiana Parkinsoniani.
Presso la AO Brotzu, all’interno del reparto di neurologia (direttore Maurizio Melis) è attivo un Centro Parkinson (responsabile dott. Giovanni Cossu) dove vengono seguiti circa 1000 pazienti provenienti da tutto il territorio regionale.


Scarica Loncandina
Galleria fotografica
  • parkinson