Cardiologie Aperte all'ospedale Brotzu

Prevenzione come modello per combattere le malattie cardiovascolari. Anche l’Azienda Ospedaliera "Brotzu" partecipa alla settimana "Dammi il tuo cuore, ne avrò cura".

Su queste tematiche, proprio al Brotzu, sabato 18 febbraio si svolgerà una intera giornata intitolata "Cardiologie aperte", promossa dalla sezione regionale dall’Anmco (Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri). La giornata inizierà alle ore 10 nell’Aula "Atza" (corpo staccato) con un incontro educativo sul rischio cardiovascolare dedicato agli studenti delle scuole superiori.

Dopo i saluti del Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera "Brotzu" Antonio Garau e del presidente regionale dell’Anmco Bruno Loi, sono previsti vari interventi degli specialisti delle Strutture complesse di Cardiologia, Cardiochirurgia ed Emodinamica. Ci sarà anche una dimostrazione sulla Rianimazione cardiopolmonare e la possibilità di brevi esercitazioni su un manichino.

Inoltre dalle 10 alle 16 nell’androne dell’ingresso principale (primo piano) saranno allestiti stand dedicati alla distribuzione di materiale informativo sulla prevenzione cardiovascolare. Per chi lo desidera sarà anche possibile la misurazione della pressione e l’elaborazione della "Carta del rischio cardiovascolare". La conclusione della giornata è affidata ad un incontro che si svolgerà alle 17,30, sempre nell’aula "Atza", con la presentazione della manifestazione nazionale "Dammi il tuo cuore, ne avrò cura" e il concerto jazz della Big Band della Scuola di Musica di Cagliari, diretta da Paolo Carrus.

Una intera giornata che non ha lo scopo di curare, ma di educare le persone e diffondere il vero senso della prevenzione. Alimentazione, corretto stile di vita, attività fisica sono i tre elementi essenziali per combattere le malattie cardiovascolari.

Anche perché queste patologie costituiscono in Sardegna un vero e proprio killer, visto che sono la prima causa di morte e anche il motivo più frequente di ricovero ospedaliero. Secondo gli ultimi dati Istat (anno 2007), in Sardegna su 13.900 decessi, 4.994 sono stati provocati da malattie del sistema circolatorio. Un dato è emblematico: le malattie cardiovascolari colpiscono più dei tumori, la cui mortalità si ferma a 4.285. Un motivo in più per capire quanto la prevenzione sia sempre più importante.