Il 26 Novembre la Giornata Nazionale della Malattia di Parkinson

La ricerca è l’arma vincente: diagnosi precoce e cure il punto di partenza per rallentare l’evoluzione della patologia.

Sabato 26 novembre si celebra la Giornata Nazionale della Malattia di Parkinson, promossa dalla Limpe (Lega Italiana per la lotta contro la Malattia di Parkinson, le Sindromi Extrapiramidali e le Demenze) e da Dismov-Sin (Associazione Italiana Disordini del Movimento e Malattia di Parkinson) da anni impegnate sulla patologia.

La giornata, svoltasi anche lo scorso anno, è nata per combattere la scarsa informazione, sensibilizzare sull’importanza della diagnosi precoce, sui progressi della ricerca e sulla qualità di vita dei pazienti.

In Italia sono circa 150.000 (in Sardegna oltre 3.000) le persone affette dalla malattia di Parkinson e altri 50.000 (nell’Isola 5.000) i pazienti con un parkinsonismo: nella maggior parte dei casi la malattia si manifesta attorno ai 60 anni, ma nel 10% dei casi i sintomi compaiono prima dei 40 anni.

La giornata si svolgerà anche all’Ospedale "Brotzu" con un incontro informativo che si terrà nella sala congressi (corpo staccato) sabato 26 novembre alle 9,30.

Dopo l’introduzione del direttore generale dell’Azienda Ospedaliera “Brotzu” Antonio Garau, del direttore della Struttura Complessa di Neurologia, dottor Maurizio Melis e del coordinatore della sezione cagliaritana dell’Associazione italiana parkinsoniani Giorgio Rocca, interverranno la dottoressa Anna Rosa Carta del Dipartimento di Tossicologia dell’Università di Cagliari e il dottor Manolo Carta del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Cagliari.

Affronteranno il tema "La malattia di Parkinson, dalla ricerca sperimentale all´applicazione clinica: terapie emergenti". Il dottor Francesco Oppia, gastroenterologo del "Brotzu", parlerà sui disturbi del sistema digestivo che interessano chi è colpito dalla malattia di Parkinson, mentre al dottor Giovanni Cossu, responsabile del Centro Parkinson della Struttura Complessa di Neurologia del "Brotzu", sarà invece affidato il compito di illustrare le novità nel trattamento di questa patologia.

L’incontro si concluderà con la testimonianza dei pazienti. La Giornata vuole essere un aiuto per i pazienti e i familiari che devono affrontare questa realtà quotidiana sapendo di poter contare sui migliori specialisti e sulla ricerca, l’arma vincente per questa malattia.
Il messaggio è sintetizzato dallo spot radio-televisivo cui ha prestato la voce Andrea Bocelli: "La malattia di Parkinson non deve cambiare l’armonia della tua vita: affrontala subito!".

La giornata rappresenta dunque una opportunità per saperne di più. Un passo verso la diagnosi precoce, una cura migliore e una gestione più serena della vita.