Convegno sulle cardiopatie congenite e acquisite

Nuove frontiere in cardiologia. Le cardiopatie congenite hanno un'incidenza di 10 per mille dei nati vivi e rappresentano la prima causa di morte nel neonato.

In Sardegna questa percentuale è molto più alta, aggirandosi intorno al 21 per mille (dati forniti dall'Assessorato della Sanità della Regione Sardegna dopo l'analisi (per gli anni 2001-2007) dei flussi SDO (rimborsi regionali per prestazioni o ricoveri effettuati extraregione).

La sopravvivenza dei pazienti affetti da cardiopatia congenita è cambiata drammaticamente negli ultimi 30 anni. Pertanto, medici di differenti discipline si trovano ad affrontare attualmente i problemi di un'ampia popolazione con caratteristiche estremamente peculiari e poco conosciute.

Nell'ambito delle cardiopatie congenite sta crescendo l'importanza delle procedure interventistiche come d'altronde nell'ambito delle cardiopatie dell'adulto si affacciano all'orizzonte nuove procedure diagnostiche e interventistiche.

Per affrontare queste tematiche a Cagliari, al "Caesar’s Hotel" (Via Darwin 2), il 18 (a partire dalle ore 14) e il 19 marzo si svolgerà il corso «Nuovi orientamenti in Cardiologia: dal Congenito…all’Acquisito».

L'obiettivo è quindi quello di evidenziare le problematiche multispecialistiche dei pazienti affetti da cardiopatia congenita o acquisita e di aggiornare le conoscenze dei partecipanti sulle nuove procedure emergenti.