Nuova tecnica cardiologica ultraspecialistica

Dall’aprile 2010 ha preso avvio presso la Struttura Complessa di Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera Brotzu, diretta dal dottor Maurizio Porcu, l’attività di estrazione non chirurgica di cateteri di pacemaker e defibrillatori cardiaci.

La rimozione dal cuore di tali cateteri si rende necessaria in caso di infezione o malfunzionamento dei cateteri. Si tratta di una tecnica cardiologica ultraspecialistica di grande impegno, effettuata in pochissimi centri in Italia, che consente di rimuovere i cateteri dall’interno del cuore e dei grossi vasi senza dovere ricorrere alla cardiochirurgia.

I primi casi eseguiti al Brotzu negli anni precedenti erano stati effettuati con il laser ad eccimeri, tecnica efficace ma altamente costosa. Sotto il coordinamento dell’esperto cardiologo dottor Gianfranco Tola, l’equipe del Brotzu composta dai medici Achille Giardina, Barbara Schintu, Agostino Setzu e Claudio Pinna ha già trattato, in questi primi 10 mesi, diciotto pazienti provenienti da centri di tutta la Sardegna.

In tutti i 18 pazienti è stato possibile ottenere un ottimo risultato, rimuovendo complessivamente 29 cateteri senza complicazioni procedurali. Oltre agli ottimi risultati clinici, la rimozione con gli estrattori meccanici ha consentito di ridurre drasticamente i costi, con un risparmio per questi primi 18 casi di oltre 300 mila euro.

Con il programma di rimozione meccanica dei cateteri la Cardiologia del Brotzu completa le sue prestazioni nell’alta specializzazione, confermandosi come centro cardiologico di riferimento dell’intera Sardegna.